Tigella Bella di Varese

Categorie:
Tigella Bella di Varese

Intervista a Elena che gestisce il locale “Tigella Bella” a Varese:

Elena, Come e quando nasce il tuo locale?

Questo locale nasce l’11 maggio del 2013 con l’obiettivo di portare a Varese qualcosa che mancava, un luogo dove i clienti potessero mangiare un prodotto altrimenti introvabile in città. E’ stata la mia migliore amica, Valentina, proprietaria di un ristorante toscano a Brescia, a farmi conoscere le opportunità della “tigella” di origine modenese. Dopo aver perso i miei genitori, entrambi attivi nella ristorazione, ho pensato di aprire qualcosa di mio e Valentina mi ha parlato di una buona tigelleria di Desenzano. Poiché gestire un ristorante è molto impegnativo, ma io amo il lavoro nell’ambito della ristorazione e lo svolgo con passione, ho contattato il franchising e, in pochi mesi, sono riuscita ad aprire l’attività. Varese è una città di gente un po’ abitudinaria che frequenta sempre gli stessi luoghi, quindi inizialmente ho fatto fatica a farmi conoscere, ma adesso Tigella Bella è sempre ai primi posti tra i migliori ristoranti della città.

Tre o più parole che descrivono al meglio il tuo locale.

Professionalità, simpatia, divertimento.

Quali sono le caratteristiche che bisogna avere per lavorare nella tua tigelleria?

Chi lavora con me deve amare questo tipo di attività, deve saper maneggiare gli ingredienti, essere disponibile a lavorare tutti i giorni, a fare sacrifici e, soprattutto a fare squadra. I ragazzi che hanno lavorato in questo locale sono stati trattati come se io e loro facessimo parte di uno stesso team, tutti allo stesso livello con uno stesso obiettivo. Quando sono alla cassa e sento i clienti che si complimentano per le tigelle, sono felice di indicare i ragazzi che le hanno preparate perché ritengo che sia molto gratificante per loro ricevere i complimenti per ciò che hanno realizzato.

Che tipo di impasti utilizzi per le tigelle?

Oltre all’impasto classico, propongo anche quello integrale. Ho provato a preparare anche un impasto ai 5 cereali, ma in questo periodo preferisco dedicarmi a realizzare tigelle che possono essere consumate anche dalle persone intolleranti o allergiche a determinati cibi o da chi segue una dieta vegetariana e vegana. Ho alcuni clienti che vengono a mangiare la tigella vuota. Mi fa piacere che nel mio locale si trovi sempre qualcosa di gradito (sorride compiaciuta)!

Qual è la tigella che più richiesta dai tuoi clienti?

Quella del Boss, culatello, burrata e salsa tonnata. Alcuni sono scettici perché l’abbinamento sembra bizzarro, ma in realtà poi ammettono che è molto buona. Tutte le tigelle con la burrata vanno comunque per la maggiore, ad esempio la tigella con burrata pesto e pomodorini oppure quella con culatello, burrata carciofi e grana.

 

Come vengono selezionati gli ingredienti per le tigelle?

Inizialmente mi rivolgevo ad alcuni fornitori, ma poi ho deciso di seguire l’insegnamento dei miei genitori e quindi vado a fare la spesa personalmente alla Metro di Castellanza dove trovo prodotti eccezionali. Il culatello e il prosciutto crudo ad esempio sono sempre sgrassati e pronti per l’uso, nessun cliente si è mai lamentato della qualità degli ingredienti.

Per quale motivo i clienti di Tigella Bella dovrebbero ordinare tramite mipiaace!?

Perché con voi formiano una bella squadra, non ho mai accettato nessun partner per il delivery. I ragazzi di mipiaace! sono italiani, puntuali, precisi, non ho mai avuto problemi e anche le rare volte in cui si è verificata una difficoltà è stata immediatamente risolta. In questo modo tutti lavorano bene e il risultato non può che essere perfetto.

 

Queste le parole di Elena che ha portato a Varese il panino che non c’era!

 

Prova anche tu la Tigella di Varese, clicca qui e mettiti comodo!